IC 3 "PARCO VERDE" CAIVANO

"Ritenendo l’istruzione e l’educazione elementi fondanti e fondamentali, noi tutti dobbiamo contribuire al continuo miglioramento di questi essenziali valori"

VADO A SCUOLA… un film da vedere

Lascia un commento

on_the_way_to_school_poster_orDiretto da Pascal Plisson, Vado a scuola ha al centro le difficoltà che cinque bambini di diverse zone del mondo affrontano per recarsi quotidianamente a scuola lungo strade e sentieri irti di pericoli. Per loro, l’istruzione rappresenta l’unica via di fuga alla povertà che li circonda e per tale motivo sono pronti a sfidare la sorte anche a costo delle loro stesse vite.
Prodotto dalla Walt Disney Francia e con il patrocinio dell’UNESCO, Vado a scuola si concentra sui piccoli Samuel, Zahira, Jackson e Carlito, chiamati tra il febbraio e l’ottobre del 2012 non a recitare ma a mettere in scena la propria vita in maniera più realistica possibile.

Zaino in spalla, dopo aver detto «vado a scuola», la maggior parte dei bambini di solito sale su un bus o attraversa le strisce pedonali. Non tutti, però: Jackson e Salomé, kenioti, ogni mattina salutano i genitori e si avviano a piedi lungo un percorso di due ore, schivando i branchi di elefanti; Carlito, argentino, ci mette un po’ meno perché la pampa l’attraversa a cavallo; Zahira, ogni settimana, impiega quattro ore per oltrepassare le montagne marocchine e arrivare al collegio. Poi ci sono Gabriel ed Emanuel, due bimbi indiani la cui scuola dista 4 km soltanto: ma non è una passeggiata, visto che lungo la strada devono spingere la sedia a rotelle (artigianale) del fratello maggiore Samuel.

Le storie scelte da Plisson sono vere come i sorrisi incrollabili dei bambini (non tanto osservati nella loro quotidianità, quanto chiamati a interpretare se stessi nella messa in scena di una giornata tipo) e si apprezza la scelta dell’autore di saltare a piedi pari i rischi di pietismo per abbracciare, piuttosto, l’entusiasmo contagioso di questi piccoli guerrieri che combattono per conquistare il proprio diritto all’istruzione. Palpabilmente pensata per un pubblico (anche) infantile, che impari dai colleghi meno fortunati il valore insostituibile dell’apprendimento, l’opera di Plisson manca di quel tanto di spontaneità per farsi amare anche dai “grandi”: confezione scintillante da “National Geographic” (per il quale il regista collabora) e qualche forzatura nelle battute messe in bocca ai bimbi minano la forza dell’operazione.

Autore: IC 3 PARCO VERDE

dirigente scolastico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...