IC 3 "PARCO VERDE" CAIVANO

"Ritenendo l’istruzione e l’educazione elementi fondanti e fondamentali, noi tutti dobbiamo contribuire al continuo miglioramento di questi essenziali valori"

PREMIO LEGALITA’ A DUE NOSTRE ALLIEVE DALLA QUESTURA

Lascia un commento

premio questura napoli

immagine tratta dal nuovo video  in HD che parteciperà          al premio MARANO RAGAZZI SPOT FESTIVAL

NAPOLI- Trentunesimo anniversario del massacro di piazza Nicola Amore, dove furono uccisi l’allora capo della Squadra mobile Antonio Ammaturo e il suo agente di scorta, Pasquale Paola. Era il pomeriggio del 15 luglio 1982: un commando delle Brigate rosse entro’ in azione uccidendo Ammaturo e Paola mentre si stavano recando in questura. Come ogni anno la polizia ricorda l’esempio del grande poliziotto, medaglia d’oro al valor civile. Due corone di fiori sono state  deposte sotto la lapide che ricorda il barbaro omicidio di Ammaturo e Paola. Una corona e’ del capo della Polizia, prefetto Alessandro Pansa l’altra del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris. Quel pomeriggio di 31 anni fa Ammaturo era appena uscito da casa dopo avere salutato la moglie e le tre figlie. Ammaturo era definito dai suoi collaboratori “il poliziotto di ferro“. Dopo la deposizione delle corone, Ammaturo e Paola sono stati commemorati alle ore 11 presso la Cappella dei Vasari, nella chiesa di Sant’Anna e San Carlo Borromeo dei Lombardi. Poi si è tenuta la quarta edizione del premio Ammaturo, ‘Legalità-Città di Napoli’. Il premio è stato assegnato a uno dei sei uffici investigativi della Polizia attivi a Napoli e provincia, particolarmente distintisi per le loro attività e per questo segnalati alla commissione esaminatrice. Il capo della Squadra mobile Ammaturo è stato ricordato alla presenza del vicecapo della Polizia, direttore centrale della Polizia criminale, prefetto Francesco Cirillo, dal questore di Napoli Luigi Merolla, dal presidente del Tribunale di Napoli Carlo Alemi e da altre autorità civili e militari.

Anche due nostre allieve, CARMELA AMBROSIO e PATRIZIA DE LORENZO, sono state premiate nella manifestazione per un video girato in casa riguardante la nostra Costituzione. Il premio è stato consegnate alle due allieve e al Preside PERNA dal Questore Merolla. Presenti alla cerimonia le famiglie delle bambine, orgogliose e commosse.

allegato in formato pdf l’attestato  premio legalità questura napoli

la Repubblica.it

Alla sezione antirapina va il premio Ammaturo

16 luglio 2013 —   pagina 7   sezione: NAPOLI

IL 15 luglio del 1982, in piazza Nicola Amore, Antonio Ammaturo veniva ucciso dalle Br. Il capo della mobile cadde insieme all’ agente scelto Pasquale Paola per aver fatto il proprio dovere, per essere diventato un baluardo dello Stato che si opponeva con coraggio alla camorra di Raffaele Cutolo. La figura del funzionario è ben viva nel ricordo del vicecapo della polizia Francesco Cirillo, tornato a Napoli per partecipare al premio dedicato all’ ex dirigente della mobile, andato quest’ anno alla sezione Antirapina della squadra mobile. «Le figure come quelle di Ammaturo e Paola – afferma Cirillo non vanno dimenticate così come quelle di tanti altri poliziotti, uomini delle forze dell’ ordine, della società civile, della magistratura che hanno sacrificato la vita per questo Paese». A “contendersi” il premio, anche le squadre di polizia giudiziaria dei commissariati di Afragola, Frattamaggiore, VicariaMercato, Vasto-Arenaccia e il reparto prevenzione crimine Campania. La “vittoria” finale, però, è andata alla sezione antirapina «per lo svolgimento – si legge nelle motivazioni – di articolate attività di indagine che hanno portato a pregevoli azioni e risultati nel contrasto verso associazioni camorristiche specializzate in attività di rapina». Ai componenti dell’ antirapina è stata consegnata un’ opera realizzata dallo scultore Lello Esposito, mentre gli altri candidati hanno ricevuto un attestato. «Ammaturo – afferma il presidente del Tribunale Carlo Alemi – non temeva nessuno ed era inviso a Cutolo di cui disse: è un criminale e non ci fa paura», ricorda il magistrato nato ad Addis Abeba che oggi riceverà dal sindaco Luigi de Magistris la cittadinanza onoraria. Premiate anche due giovani studentesse di 10 e 11 anni dell’ Istituto comprensivo3 Parco Verde di Caivano per aver realizzato un rap nell’ ambito di un progetto sulla legalità. In apertura della cerimonia, moderata dalla giornalista di Repubblica Conchita Sannino, il ricordo di Antonio Manganelli ex capo della polizia scomparso alcuni mesi fa. «Queste commemorazioni – ha detto il questore Luigi Merolla – non sono sterili, non solo ci consentono di ricordare chi ha perso la vita nello svolgimento del proprio dovere, ma sono anche occasione per progettare un futuro migliore partendo dal grande esempio di chi ha perso la vita per il bene comune». Toccante il ricordo del padre fatto dalla figlia Maria Cristina: «La maggior parte del suo tempo era dedicato al lavoro, agli ideali di giustizia». Durante la cerimonia svolta nella chiesa di Sant’ Anna dei Lombardi è stata letta una missiva dell’ arcivescovo Crescenzio Sepe in cui si evidenzia quantoi due poliziotti uccisi 31 anni fa siano un «esempio di coraggio e dedizione da trasmettere ai giovani e impegno a vivere secondo giustizia». In mattinata questore e sindaco hanno deposto una corona in piazza Nicola Amore. «Questi momenti – ha detto de Magistris – servono per ricordare persone, servitori dello Stato che hanno perso la vita per difendere la sicurezza dei cittadini e per lottare contro il crimine nella nostra città». (antonio di costanzo) © RIPRODUZIONE RISERVATA – antonio di costanzo

Autore: IC 3 PARCO VERDE

dirigente scolastico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...