IC 3 "PARCO VERDE" CAIVANO

"Ritenendo l’istruzione e l’educazione elementi fondanti e fondamentali, noi tutti dobbiamo contribuire al continuo miglioramento di questi essenziali valori"

OGGI HO RILETTO LA LETTERA DI ANNA …

1 Commento

(settembre 2011) IL DIRIGENTE  lo conosciamo tutti piuttosto bene, e sarebbe difficile il contrario. Perché è una di quelle persone limpide che dicono pane al pane e vino al vino e quando qualcosa non va non sanno far finta di niente. Pregio o difetto? Tutto sta nell’occhio di chi guarda. I punti di vista sono sempre, individualmente e storicamente, soggettivi. Certo, a volte può farci arrabbiare, a volte possiamo farlo arrabbiare, possiamo avere opinioni diverse, vedere le situazioni da prospettive differenti, e sarebbe strano il contrario, vista la diversità delle funzioni; è possibile che non ci s’incontri, che si sbaglino i tempi e i modi, che si facciano errori, che la comunicazione fallisca, che qualcosa vada storto. Ed è lì che il nostro dirigente diventa il miglior dirigente. Non il dirigente dell’anno ma Il Dirigente, con la D maiuscola, al di fuori di un arco cronologico ristretto. Perché se dirigere vuol dire dare una direzione, guidare, mostrare la strada, in questo il dottor Bartolomeo Perna è un maestro, non solo a livello professionale, come gli hanno giustamente riconosciuto i colleghi, ma anche e soprattutto a livello relazionale, perché riesce sempre, ci si consenta l’espressione, a sputare il rospo, a mettere a nudo i suoi sentimenti senza temere di mostrare il suo lato umano, quello più vulnerabile, così come dovrebbe essere fra esseri umani che si riconoscono come persone, ed è per questo che, oltre a stimarlo come merita, gli vogliamo tutti un gran bene. E’ per questo, per aver saputo sostituire l’autorità con l’autorevolezza, per il suo continuo mettersi in gioco in prima persona, per il suo entusiasmo, per la sua dedizione che gli fa abdicare tante volte al ruolo istituzionale per diventare compagno di lavoro di quanti operano nella scuola, che anche il più demotivato, sfiancato e stressato dei suoi docenti ha cercato comunque di fare del suo meglio, di dare di più. E’ così che il nostro Circolo ha acquisito dignità e rilevanza, giungendo oggi a essere una delle realtà scolastiche più significative del territorio, uscendo dal limbo, per non dire l’inferno, in cui si trovava. Oggi il nostro dirigente ha avuto espressioni amare di delusione, si è arrabbiato e ci ha fatto anche arrabbiare perché non ci ha dato il tempo e il modo di replicare (e già non era cosa facile, perché, ahinoi, stavolta aveva ragione da vendere). Eppure, ripensandoci, il termine che ha usato di più nel suo sfogo, nonostante tutto, è stato condivisione. Come diamine sia potuto accadere che il suo team gli abbia mandato dei messaggi così assolutamente opposti a ciò che ognuno di noi ha nell’animo, è arduo spiegare, ma tant’è, è accaduto e forse ne siamo più amareggiati noi di lui. E’ certo però che rispetto ad altri dirigenti scolastici, di là dalla forma, spesso effimera e forzata e talvolta anche, sia detto a onor del vero, dubbiamente schietta, lui può contare sulla sostanza. Questo, a quanto sembra, sarà l’ultimo anno di esistenza del Terzo Circolo di Caivano: il dimensionamento, la razionalizzazione (!) degli istituti scolastici incombe; ancora una volta la scure sta per abbattersi sulla scuola italiana, rinnegando e misconoscendo gli sforzi di tante persone, insegnanti, dirigenti come Bartolomeo, che della scuola stessa hanno fatto una ragione di vita.  Non condivideremo questa ingratitudine; la lasciamo alla burocrazia.  Non ci adegueremo all’indifferenza e alla fredda impassibilità della ragion di stato. A rischio di cadere nel retorico, non dimenticheremo gli anni trascorsi insieme, la fatica, le ansie, gli sforzi eroici che ben conosce chi mette l’anima nel nostro lavoro, che abbiamo condiviso; non abbia dubbi il nostro Dirigente sulla condivisione: c’è, c’è stata e ci sarà fino a quando avremo la fortuna e il privilegio di poter lavorare insieme. Congratulazioni e auguri di cuore, caro Direttore, caro amico, per mio tramite da tutto il tuo team docente.           Anna d’Alò

Autore: IC 3 PARCO VERDE

dirigente scolastico

One thought on “OGGI HO RILETTO LA LETTERA DI ANNA …

  1. Condivido pienamente l’invidia delle persone deve essere la tua forza, per te contano i risultati e gli obiettivi raggiunti, e questi caro Dirigente sono sotto gli occhi di tutti. Mi preme però dire che anche i grandi hanno il loro grande difetto……e nel tuo caso è gravissimo…..sei juventino!!!!!!

    "Mi piace"

Rispondi a Vincenzo Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...